I'm looking for black holes.
Federica.
Sulla carta ha ventun anni.
Una combinazione di imperfezioni.
Completamente priva di autostima.
Ha perso il conto di quante serie tv segue.
Co-pres dell'amatissimo Club I.C.T.U.S.


Doctor Who ♥

Mumford&Sons + ImagineDragons

Amore per l'arte.

"Time to escape."

plettrude:

Ieri sera pensavo che di quella stagione lì, quella delle notti bianche e dei limoni irresponsabili, dei drammi che duravano lo spazio di uno shottino e degli innamoramenti facili, siamo alla fine sopravvissuti tutti. Mentre il pensiero arrivava alla coscienza, mi sono resa conto della sua falla. Tu non ci sei più, anzi tu hai scelto di non esserci, e non sai che rabbia, ogni volta, sempre

Dove sono?

È ormai passato parecchio tempo dall’ultima volta che ho scritto qua sopra e nel frattempo sono successe tante cose, alcune belle, molte brutte.
Ora come ora non so definirmi, non riesco a capire, mi sembra tutto molto lento, mi sembra che il tempo si sia dilatato mentre io sono ferma a fissare il vuoto.
Di cosa ho bisogno? Continuo a chiedermelo, non sono nemmeno più sicura delle poche risposte che ero riuscita a trovare prima. Di un posto nuovo? Di persone nuove? Di un clima nuovo? Forse di un cambio di routine? Non lo so, l’unica mia certezza è il bisogno di un cambiamento.

Non ho mai avuto così tanto bisogno di scappare.

Ho provato a fuggire da tutto quello che ho dentro in vari modi: con l’alcool, con le sigarette, con la musica, con i libri, con le serie tv, andando in piscina, andando a ballare e in tanti altri modi che, ora come ora, non mi vengono in mente.
Tutto inutile.
Pensavo di essere in remissione, pensavo che forse stavo iniziando a stare un pochino meglio.
È bastato un secondo per distruggere quel poco che avevo ricostruito con così tanta fatica, è bastato uno sguardo, il suo sguardo.
Immobile, mi sono bloccata, nessun pensiero in testa, era come essere nell’occhio del ciclone: sul momento nessun danno, poco dopo la distruzione, mentre il giorno dopo si inizia a pensare a ricostruire. Ecco, ora io devo ricostruire, ma non qua, qua non c’è più spazio per niente, qua è pieno di cose importanti che sono state fatte a pezzi e, purtroppo, una bottiglia di vino non riuscirà a sistemare tutto quanto.
Portatemi via, per favore.

Non riesco a trovare la forza per affrontare queste giornate vuote, resto in silenzio al buio sdraiata a letto, non faccio nient’altro, ma sono comunque stanca.
Mi sento gli occhi vuoti, mi sento tutta vuota, sono cambiate troppe cose e troppo in fretta. I pensieri non mi lasciano in pace e la testa mi pulsa come se ci fossero troppe cose rinchiuse lì dentro. Il vuoto che sentivo sotto i piedi è diventato reale, non ho appigli e non so che altro fare se non cadere.

normanora:

Cene importanti, con persone importanti.

normanora:

Cene importanti, con persone importanti.

»